OKAY FIT scheda tecnica

Okay Fit

 

 

Okay Fit è un integratore alimentare contenente per ogni compressa una miscela bilanciata di estratti vegetali altamente titolati e purificati:

Coleus Forskohlii radici e.s. titolato al 10% in forskolina; Vitis vinifera semi e.s. tit. al 95% in OPC; Salvia miltiorrhiza radici e.s. tit. all’ 1% in tanshinone, Griffonia simplicifolia semi e.s. tit. al 95% in 5-idrossi-L-triptofano e Melilotus Officinalis erba con fiori e.s. tit. al 18% in cumarina.

 

Informazioni dedotte dalla letteratura internazionale

 

Il Coleus Forskohlii è una pianta di origine orientale, dalla cui radice si estrae la forskolina, un diterpenoide che esplica la sua funzione fisiologica, mediante l’attivazione dell’enzima adenilato ciclasi, attraverso l’aumento del livello di AMPc1 intracellulare, da cui deriva una serie di reazioni che determinano:

  • l’aumento della massa magra con riduzione al contempo della massa grassa (2);
  • un effetto inotropo positivo (3,4) (aumenta la forza di contrazione del muscolo cardiaco);
  • il rilassamento delle arterie e dei muscoli lisci (previene e allevia i crampi allo stomaco e muscolari);
  • la promozione della vasodilatazione e della broncodilatazione (aumentando la capacità respiratoria) (5);
  • la riduzione dell’infiammazione, modulando il rilascio dei mediatori delle reazioni di ipersensibilità immediata (6);
  • il controllo della causa del glaucoma (7,8,9,10);
  • la riduzione delle infezioni del tratto urinario (11,12);
  • il miglioramento della funzione digestiva.

In particolare l’uso della forskolina, nell’equilibrio del peso corporeo, è giustificato dalla sua azione lipolitica,(13) determinata da una serie di reazioni che hanno inizio con l’aumento dei livelli di AMPc (1) nell’adipocita, cui segue l’attivazione, prima, di una proteina chinasi AMPc dipendente e, successivamente, della lipasi che catalizza l’idrolisi dei legami esterei dei trigliceridi. Tutti i processi che richiedono aumento di AMPc vengono attivati con conseguente aumento del metabolismo dell’organismo che, tramite attivazione della fosforilasi nei muscoli scheletrici (secrezione dell’insulina, sintesi ormoni anabolici, ecc.),(14) causa l’aumento della massa magra. Risulta inoltre stimolata l’attività dell’enzima T45’-deiodinasi, deputato all’attivazione dell’ormone tiroideo termogenetico T3.(15) Un recente studio clinico ha osservato che, al dosaggio di 25 mg di forskolina per due volte al giorno, gli uomini in sovrappeso ed obesi aumentavano in modo significativo la massa magra, la massa ossea ed il testosterone.(2)

 

La Griffonia simplicifolia è una pianta diffusa nelle aree tropicali umide dell'Africa, i cui semi contengono l’aminoacido 5-idrossi-L-triptofano, precursore della serotonina, un neurotrasmettitore che influisce su diverse funzioni fisiologiche tra cui l’appetito, i disturbi del sonno e il tono dell’umore. Poiché bassi livelli di serotonina perturbano la fisiologica regolazione del senso di sazietà, la griffonia può essere utile per arginare i cosiddetti attacchi di fame nervosa, cioè l'irresistibile voglia di alimenti contenenti zucchero o comunque carboidrati(16). La letteratura scientifica internazionale evidenzia che la serotonina svolge un ruolo determinante nel sonno, favorendo l’innesco ed il mantenimento dello stesso e contribuendo a migliorarne la qualità(17). Infine la serotonina promuovendo sentimenti di benessere, calma e sicurezza, favorisce il rilassamento mentale e la concentrazione. Un recente studio clinico ha inoltre valutato l'efficacia del 5-HTP in giovani soggetti con sofferenze amorose a seguito di delusioni sentimentali o relazioni recentemente interrotte. I ricercatori hanno scoperto che, il 5-HTP, per la sua capacità di modulare direttamente il sistema serotoninergico, mitiga la sofferenza psicologica e quindi può essere d'aiuto anche ai cuori infranti(18).

 

Il Melilotus officinalis è una pianta erbacea con areale che si estende dall’europa all’asia. I costituenti principali del Meliloto sono la cumarina, i flavonoidi (kaempferolo, quercetina) e gli acidi fenolici. Altri componenti sono saponine e tannini. La cumarina ha attività antiedemigena ed antinfiammatoria che ne fanno un rimedio efficace contro edemi ad alto contenuto proteico, come nel caso del linfedema(19,20). Il meccanismo d’azione sembra essere legato ad una attivazione dei macrofagi che degradano le proteine presenti negli spazi extracellulari e favoriscono il riassorbimento del liquido essudato. Il Meliloto può essere utile nei disturbi associati all’insufficienza venosa cronica (riduce l’edema, il dolore e la pesantezza degli arti inferiori), e nella funzionalità del plesso emorroidario. La cumarina mediante costrizione degli sfinteri precapillari e dilatazione delle giunzioni artero-venose, favorisce l’aumento del flusso ematico ai tessuti danneggiati ed il drenaggio linfatico(21). Uno studio clinico contro placebo, che ha valutato l’effetto della cumarina sul linfedema conseguente a mastectomia e su quello degli arti inferiori, ha dimostrato la riduzione dell’edema dal 46% al 26% nelle braccia e dal 25% al 17% negli arti inferiori, il gruppo placebo ha invece peggiorato il linfedema(22,23).

 

La Vitis vinifera è una pianta originaria del bacino del mediterraneo e del medio oriente, dall’estratto dei suoi semi si ottengono le proantocianidine oligomeriche (OPC), molecole flavoniche raggruppate in oligomeri. Le OPC possiedono una spiccata attività antiossidante (scavengers dei radicali liberi) con inibizione della perossidazione lipidica(24), attività inibitoria nei confronti della xantina ossidasi e proprietà endotelio-protettrice(25). Da studi scientifici si evidenzia che le OPC sono utili nel migliorare e mantenere l'elasticità della cute, effetto che sembra dovuto all’azione stabilizzante su collagene ed elastina(26), le OPC infatti stimolano la sintesi del collagene, ostacolano l’azione della ialuronidasi, favoriscono l’attività biologica della vitamina C e inibiscono l’attività di alcuni enzimi proteolitici (tra cui collagenasi ed elastasi) coinvolti nella degradazione dei principali componenti strutturali della matrice extravascolare come collagene, elastina, ed acido ialuronico(27). La letteratura scientifica internazionale evidenzia gli effetti della Vitis vinifera sulla riduzione dei sintomi da insufficienza venosa cronica (pesantezza alle gambe, crampi, dolore e prurito) e sulla riduzione dell’edema e del gonfiore (diminuzione della circonferenza delle gambe, dei polpacci e delle caviglie)(28,29,30). Le OPC in uno studio condotto in doppio cieco su persone affette da vene varicose agli arti inferiori, al dosaggio di 150 mg/die, hanno dimostrato un’efficacia sulla riduzione della sintomatologia largamente superiore a quella della diosmina(31). In un altro studio clinico in doppio cieco verso placebo, le OPC hanno dimostrato di avere effetti protettivi nella formazione postoperatoria di edema in caso di lifting facciale, il criterio principale per giudicare l’efficacia del trattamento è stato la scomparsa dell’edema postoperatorio(32). Le OPC da semi di Vitis vinifera hanno inoltre dimostrato, in studi recenti, di essere regolatori naturali degli estrogeni grazie alla loro proprietà antiaromatasi dose-dipendente, ipotizzando una loro utilità nella prevenzione/trattamento del carcinoma mammario estrogeno-dipendente(33,34). Recentemente si è osservato che le OPC inducono selettivamente la crescita dei cheratinociti, che costituiscono i capelli e la pelle, ipotizzando la loro efficacia nel trattamento dell’alopecia(35,36). Infine studi recenti evidenziano la capacità delle OPC di aumentare il colesterolo HDL(37,38).

 

La Salvia miltiorrhizza è un arbusto perenne che cresce in Cina ed in Giappone, dalle radici di questa pianta, nota anche come Danshen, si ottiene un estratto che contiene: acidi fenolici di cui l'acido caffeico e suoi derivati, acidi salvianolici A e B, acido rosmarinico, acido prolithospermico, baicalina, beta-sitosterolo, daucosterolo, flavanoni, vitamina E, tannini ed i Tanshinoni. Diverse attività biologiche sono state attribuite ai Tanshinoni in studi scientifici in vitro e in vivo, quali: attività antiossidante, antinfiammatoria, antimicrobica, anti-ischemica ed attività antineoplastica. La Salvia miltiorrhiza agisce sui disturbi cardiovascolari e cerebrovascolari(39). Studi scientifici evidenziano che la Salvia miltiorrhiza aumenta la microcircolazione cerebrale(40) stimola il rilascio di dopamina ed ha effetti protettivi contro la tossicità cellulare indotta dai radicali liberi (41,42). La medicina tradizionale asiatica ritiene che la Salvia miltiorrhiza riduca la stasi ematica e favorisca il flusso sanguigno, stimoli il sanguinamento mestruale, diminuisca il dolore e l'infiammazione e riduca il gonfiore e lo stress. Gli estratti della pianta sono infatti utili nel contrasto dei disturbi del ciclo mestruale, angina pectoris ed altri disturbi del sistema circolatorio per la sua capacità nel ridurre la formazione di trombi(43). Vari studi hanno dimostrato che la Salvia miltiorrhiza ha attività vasodilatatoria, effetto dovuto ai tanshiononi(44). La salvia miltiorrhiza può anche avere effetti protettivi sulle malattie renali(45), poiché il tanshinone IIA può migliorare la disfunzione renale associata a malattia renale cronica(46). Studi recenti indicano che la Salvia miltiorrhiza grazie alla sua azione antifibrotica, antiossidante e antiinfiammatoria(47) possa interferisce con lo sviluppo della fibrosi epatica causata da epatite cronica, esposizione a sostanze chimiche o assunzione di alcuni farmaci e protegga dal danno epatico causato dall’abitudine all’assunzione di bevande alcoliche(48). La Salvia miltiorrhiza può anche aumentare il flusso di sangue al fegato, riducendo così il tempo di permanenza delle sostanze potenzialmente dannose ed il rischio di lesioni che ne potrebbero derivare(49). E’ stato inoltre dimostrato da studi clinici che la Salvia miltiorrhiza diminuisca il colesterolo totale e LDL in pazienti anziani con iperlipidemia(50). La Salvia miltiorrhiza inibisce l’attività dell’α-glucosidasi - un enzima intestinale la cui inibizione riduce il tasso di digestione dei carboidrati complessi con conseguente riduzione del glucosio assorbito e riduzione dei livelli di glucosio nel sangue - e la formazione dei prodotti finali di glicazione avanzata(51). La Salvia miltiorrhiza inibisce la differenziazione degli adipociti(52), migliora la sensibilità all’insulina(53) e può essere un agente promettente per il blocco dell’obesità-infiammatoria associata e per le malattie metaboliche, inibisce inoltre l’attività dell’enzima FAS (acidi grassi sintasi)(54). Il Tanshinone IIA potrebbe essere un nuovo agente terapeutico promettente per il contrasto dei danni da stress ossidativo nelle patologie neurodegenerative(55). Ulteriori studi scientifici sull’ attività della Salvia miltiorrhiza hanno evidenziato: l’attenuazione della deposizione della beta-amiloide(56), l’inibizione della colinesterasi per la malattia di Alzheimer(57), la stimolazione dell’osteogenesi (la crescita delle cellule delle ossa)(58). E’ stato infatti osservato l'effetto inibitorio di Tanshinone IIA sulla differenziazione degli osteoclasti e sul riassorbimento osseo(59). Dagli studi si evince come la Salvia Miltiorrhiza incrementi la formazione ossea attraverso un‘azione combinata tra aumento dell'angiogenesi, aumento dell'attività degli osteoblasti e diminuzione dell'attività osteoclastica(60,61). Un altro studio, ha rivelato che la Salvia miltiorrhiza previene efficacemente la perdita ossea indotta in ratti ovariectomizzati(62). La Salvia miltiorrhiza può infine arrestare la diffusione di diversi tipi di cellule tumorali interrompendo il processo di divisione cellulare(63) ed inducendo le cellule tumorali alla morte (apoptosi)(64) come dimostrano gli studi sulle linee cellulari del cancro al seno(65,66), alla prostata(67,68), e al fegato(69). La Salvia miltiorrhiza inibisce l’attività dell’enzima HIV-1 integrasi di cui necessita il virus dell’HIV per replicarsi(70).

 

 

1. Seamon KB et al.- Forskolin unique diterpene activator ofadenylate cyclase in membranes and intact cells.Proc NatiAcad Sci 1981, pp 3363-7,78.

2. Godard, M.P. et al.- "Body Composition and Hormonal Adaptations Associated with Forskolin Consumption in Overweight and Obese Men". Obesity Research 2005, 13 (8): 1335–1343.

3. LinderE. et al.- Positive inotropic and bloodpressure lowering activity of a diterpene derivative isolated from Coleusforskolii: Forskolin 1978, pp284-289,28.4.

4.Dubey MP. et al.- Hypotensive diterpene form Coleus forskholii. Jethnopharmacology 1981, pp1-13,3.

5.Tsukawaki M. et al.- Relaxant effectsof forskolin onguinea pig trachealsmooth muscle. Lung 1987; pp 225-371,65(4).

6. Marone G. et al.- Inhibition of IgE-mediated release of histamine and peptideleukotriene from human basophils and mast cells by forskolin.Biochem Pharmacol 1987, pp 13-20,36(1)

7. Wagh VD et al. - Forskolin: Upcoming antiglaucoma molecule. J Postgrad Med. 2012, 58(3):199-202.

8. Pescosolido N.- Oral administration of an association of forskolin,rutin and vitamins B1 and B2 potentiates the hypotonising effects of pharmacological treatments in POAG patients.Clin Ter.2010;161(3):e81-5.

9. Zeng, S. et al.-"Experimental studies of the effect of Forskolin on the lowering of intraocular pressure". Yan Ke Xue Bao (Eye Science) 1995, 11 (3): 173–176.

10. Head, K. A. "Natural Therapies for Ocular Disorders, Part Two: Cataracts and Glaucoma". Alternative Medicine Review 2001, 6 (2): 141–166.

11. "Herbal treatment Forskolin may help knock out for urinary tract infections once and for all". News Medical. 2007-04-08.

12. Bishop BL. et al.-"Cyclic AMP-regulated exocytosis of Escherichia coli from infected bladder epithelial cells.". Nat Med 2007, 13 (5): 625–30.

13. Lithosch I. et al.- Forskolin as an activator of cyclic AMP accumulation and lipolysis inrat adipocytesMol Pharmacol 1982, pp 109-15,22.

14.Yajima H. et al.- cAMP enhances insulin secretion by an action on the ATP-sensitive K+channel-independent pathway of glucose signaling inrat pancreatic islets.Diabetes 1995, pp1006-1012,48(5).

15. Haye B. et al.- Chronic and acute effect of Forskolin on isolated thyroid cellmetabolism. Molecular and Cellular Endocrinology,1985; pp 41-50,43.

16. J. Wurtman - Desiderio di carboidrati, cambiamenti di umore e di obesità. J Clin Psychiatry 1988, 49: 37-39.

17. Cespuglio R et al.- Axonal and somato-dendritic modalities of serotonin release: their involvement in sleep preparation, triggering and maintenance. J Sleep Res. 1992, 1(3):150-156.

18. E.Emanuele et al.- An open-label trial of L-5-hydroxytryptophan in subjects with romantic stress. Neuro Endocrinol Lett. 2010, 31(5):663-6.

19. Casley-Smith JR et al.- Fine structural aspects of lymphoedema in various tissues and the effects of treatment with coumarin and troxerutin. Br J Exp Pathol 1974, 55:88-93.

20. Piller NB.- An integration of the modes of action of coumarin An explanation of its effectiveness as a therapy for thermally injured tissue. Arzneimittelforschung 1977, 27:1135-8.

21. Bartos V. et al.- Effect of Esberiven forte on lymph flow in the human thoracic duct. Med Klin 1970, 65:1701-3.

22. Pastura G et al.- Lymphedema of the upper extremity inpatients operated for carcinoma of the breast: clinical experience with coumarinic extract from Melilotus officinalis.Clin Ter 1999, 150:403-8.

23. Casley-Smith JR et al.- Treatment of lymphedema of the arms and legs with 5,6-benzo-[alpha]-pyrone.N Engl J Med 1993, 329:1158-63.

24. Hong CY et al.- The inhibitory effect of tannins on lipid peroxidation of rat heart mitochondria. J Pharm Pharmacol 1995.

25.Castillo J. et al.- Antioxidant activity and radioprotective effects against chromosomal damage induced in vivo by Xrays of flavan-3-ols (Procyanidins) from grape seeds(Vitis vinifera): comparative study versus other phenolic and organic compounds. J Agric Food Chem 2000, 48:1738-45.

26. Jonadet M et al.- Anthocyanosides extracted from Vitis vinifera,Vaccinium myrtillus andPinus maritimus. I. Elastase-inhibiting activities in vitro. II. Compared angioprotective activities in vivo. J Pharm Belg 1983,38: 41-46.

27.Facino et al.-Free radicals scavenging action and anti-enzyme activities of proanthocyanidines from Vitis vinifera:a mechanism for their capillary protective action.Arzneimittel-Forschung/Drug Research 1994,44:592-601.

28.Costantini A. et al.- Clinical and capillaroscopic evaluation of chronic uncomplicated venous insufficiency withprocyanidins extracted from vitis vinifera.Minerva Cardioangiol.1999,47(1-2):39-46

29. Kiesewetter H. et al.- Efficacy of orally administered extract of red vineleaf AS 195(folia vitis viniferae) in chronic venous insufficiency(stages I-II).A randomized, double-blind, placebocontrolledtrial.Arzneimittelforschung 2000,50:109-17.

30.Schaefer E. et al.- edema protective properties of the red vine leaf extract AS 195 (Folia vitis viniferae) in the treatment of chronic venous insufficiency. A 6-week observational clinical trial. Arzneimittelforschung 2003,53:243-6.

31. Delacroix P.- Double blind study of Endotelon in chronic venous insufficience. La Revue de Medicine 1793-1802,1981;31:27-28.

32. Baruch J.- The effects of endotelon on postoperative edema:results of a double-blind study v placebo in thirty two patients. Ann Chir Plast Esthet 1984;29:393-5.

33.Kijima I. et al.- Grape seed extract is an aromatase inhibitor and a suppressor of aromatase expression. Cancer Res. 2006 Jun 1;66(11):5960-7.

34.Eng ET et al.- Suppression of estrogen biosynthesis by procyanidin dimers in red wine and grape seeds. Cancer Res. 2003 Dec 1;63(23):8516-22.

35.Takahashi T. et al.- Proanthocyanidins from grape seeds promote proliferation of mouse hair follicle cells in vitro and convert hair cycle in vivo. Acta Derm Venereol. 1998, 78(6):428-32.

36.Takahashi T. et al.- Procyanidin oligomers selectively and intensively promote proliferation of mouse hair epithelial cells in vitro and activate hair follicle growth in vivo. J Invest Dermatol. 1999, 112(3):310-6.

37.Fremont L. et al.- Response of plasma lipids to dietary cholesterol and wine polyphenols in rats fed polyunsaturated fat diets. Lipids. 2000, 35(9):991-9.

38.Yu H. et al.- Effect of grape seed extracts on blood lipids in rabbits model with hyperlipidemia. Wei Sheng Yan Jiu.2002, 31(2):114-6.

39.Tang C. et al.- "The effects of Tanshinone IIA on blood-brain barrier and brain edema after transient middle cerebral artery occlusion in rats". Phytomedicine 2010, 17 (14): 1145–9.

40.Han JY et al.- Ameliorating effects of compounds derived from Salvia miltiorrhiza root extract on microcirculatory disturbance and target organ injury by ischemia and reperfusion. Pharmacol Ther. 2008,117(2):280-295.

41.Chung TW et al. -"Salviae Miltiorrhizae BGE Radix increases rat striatal K(+)-stimulated dopamine release and activates the dopamine release with protection against hydrogen peroxide-induced injury in rat pheochromocytoma PC12 cells". Neurochem. Res. 2006, 31 (1): 109–20.

42.Liu C. et al.- Protective effects of salvia miltiorrhizae on oxidative stress in rats with focal cerebral ischemia. Chin J Clin Rehabil 2006, 10 (3): 37–9.

43.Zou ZW et al.- Antithrombotic and antiplatelet effects of rosmarinic acid, a water-soluble component isolated from radix Salviae miltiorrhizae. Yao Xue Xue Bao. 1993,28(4):241-245.

44. Fan G et al.- Direct vasorelaxation by a novel phytoestrogen tanshinone IIA is mediated by nongenomic action of estrogen receptor through endothelial nitric oxide synthase activation and calcium mobilization. J Cardiovasc Pharmacol. 2011,57(3):340-7.

45.Wang QL et al.-"Salvianolic acid B prevents epithelial-to-mesenchymal transition through the TGF-beta1 signal transduction pathway in vivo and in vitro". 2010 BMC Cell Biol. 11: 31.

46. Ahn YM et al.- "Renoprotective effect of Tanshinone IIA, an active component of Salvia miltiorrhiza, on rats with chronic kidney disease". Phytother Res 2010, 24 (12): 1886–92.

47. Zhang Y et al.- Multitargeted inhibition of hepatic fibrosis in chronic iron-overloaded mice by Salvia miltiorrhiza. J Ethnopharmacol. 2013 Jul 9;148(2):671-81.

48. Xiong ZB et al.- Protective mechanisms of radix salviae miltiorrhizae against chronic alcoholic liver injury in mice. Zhongguo Zhong Xi Yi Jie He Za Zhi. 2005 May;25(5):425-8.

49. Xiping Z. et al. - "Influence of Salvia miltiorrhizae on the mesenteric lymph node of rats with severe acute pancreatitis or obstructive jaundice". Mediators Inflamm. 2009: 675195

50.Cheng TO.- Cardiovascular effects of Danshen. Int J Cardiol. 2007,121(1):9-22 13.

51. Ma HY et al.- Constituents with α-glucosidase and advanced glycation end-product formation inhibitory activities from Salvia miltiorrhiza Bge. J Nat Med. 2010, 65(1):37-42.

52. Sung HY et al.- Novel Danshen methoxybenzo[b]furan derivative antagonizing adipogenic differentiation and production of inflammatory adipokines. Chem Biol Interact. 2010, 188(3):457-66.

53..Jung SH et al.- Insulin-sensitizing activities of tanshinones, diterpene compounds of the root of Salvia miltiorrhiza Bunge. Phytomedicine 2009, 16(4):327-335.

54. Liu Q. et al.- Danshen extract 15,16-dihydrotanshinone I functions as a potential modulator against metabolic syndrome through multi-target pathways. J Steroid Biochem Mol Biol. 2010,120(4-5):155-163.

55.Wang W. et al.- "Tanshinone IIA attenuates neuronal damage and the impairment of long-term potentiation induced by hydrogen peroxide". J Ethnopharmacol 2011, 134 (1): 147–55.

56. Mei Z. et al.- Cryptotanshinone, a compound from Salvia miltiorrhiza modulates amyloid precursor protein metabolism and attenuates beta-amyloid deposition through upregulating alpha-secretase in vivo and in vitro. Neurosci Lett . 2009;452(2):90-95.

57. Wong KK et al.- Cryptotanshinone, an acetylcholinesterase inhibitor from Salvia miltiorrhiza , ameliorates scopolamine-induced amnesia in Morris water maze task. Planta Med. 2010,76(3):228-234.29.

58.Chin A. et al.- "Effects of medicinal herb salvia miltiorrhiza on osteoblastic cells in vitro". J. Orthop. Res. 2011; 29 (7): 1059–63.

59.Kim HH et al.- Inhibition of osteoclast differentiation and bone resorption by tanshinone IIA isolated from Salvia miltiorrhiza Bunge. Biochem Pharmacol 2004, 67:1647-1656.

60.Wong RW et al.- Effect of Salvia miltiorrhiza extract on bone formation. J Biomed Mater Res A 2008, 85:506-512.

61.Ding Y. et al.- Effects of salvia miltiorrhiza bunge (SMB) on MC3T3-E1 cells. J Osaka Univ Dent Sch 1995, 35:21-27.

62. Kim HK et al.- The correlation of Salvia miltiorrhiza extract-induced regulation of osteoclastogenesis with the amount of components tanshinone I, tanshinone IIA, cryptotanshinone, and dihydrotanshinone. Immunopharmacol Immunotoxicol. 2008;30(2):347-364.

63.Chae HJ et al.- Prevention of bone loss in ovariectomized rats: the effect of Salvia miltiorrhiza extracts. Immunopharmacol Immunotoxicol 2004, 26:135-144.

64. Su CC et al.- "Growth inhibition and apoptosis induction by tanshinone IIA in human colon adenocarcinoma cells". Planta Med. 2008, 74 (11): 1357–62.

65. Yoon Y. et al.- "Tanshinone IIA isolated from Salvia miltiorrhiza BUNGE induced apoptosis in HL60 human premyelocytic leukemia cell line". J Ethnopharmacol 2008, 68 (1-3): 121–7.

66. Yang W. et al.- Danshen ( Salvia miltiorrhiza ) extract inhibits proliferation of breast cancer cells via modulation of Akt activity and p27 level. Phytother Res . 2010, 24(2):198-204.

67. Gong Y. et al.- Bioactive tanshinones in Salvia miltiorrhiza inhibit the growth of prostate cancer cells in vitro and in mice. Int J Cancer. 2011, 129(5):1042-1052.

68.Won SH et al.- Tanshinone IIA induces mitochondria dependent apoptosis in prostate cancer cells in association with an inhibition of phosphoinositide 3-kinase/AKT pathway. Biol Pharm Bull. 2010;33(11):1828-1834.

69. Lee WY et al.- Cytotoxic effects of tanshinones from Salvia miltiorrhiza on doxorubicin-resistant human liver cancer cells. J Nat Prod. 2010;73(5):854-859.

70.Abd-Elazem IS. et al.-"Isolation of two highly potent and non-toxic inhibitors of human immunodeficiency virus type 1 (HIV-1) integrase from Salvia miltiorrhiza". Antiviral Res. 2002,55(1): 91-106.

 

Confezione da 20 compresse - prezzo in farmacia € 37,84

 

Let's Connect